Marco Masini ha subito il trapianto di capelli artificiali

Marco Masini prima e dopo il trapianto

Marco Masini è uno dei cantautori più amati della scena musicale italiana. 57 anni di età, 32 di carriera, 11 album e oltre sette milioni di copie vendute in tutto il mondo. Intramontabili le sue Ci vorrebbe il mare, T’innamorerai, Bella stronza, Disperato. Nel 1990 la vittoria a Sanremo nella categoria Novità con Disperato, per poi conquistare nel 2004 il podio dei Big con L’uomo volante.

Il suo talento si fece evidente sin da giovanissimo e al liceo formò il gruppo musicale Errata Corrige. A tormentare il giovane Marco, la caduta precoce dei capelli, un cambiamento nel suo aspetto che gli provocava un forte disagio sul palco e nel rapporto con gli altri. In più occasioni il cantautore fiorentino ha parlato pubblicamente della sua calvizie, un problema che lo perseguita dai tempi del servizio militare.

Marco Masini pelato

Come ha rivelato il cantante, a soli 19 anni la calvizie avanzava senza sosta: l’attaccatura saliva molto velocemente e dietro aveva una chierica molto vistosa, “da far invidia a un francescano”. Colpa di una predisposizione genetica, certamente, ma non solo: “alla naja ero nella Vam, la Vigilanza aeronautica, facevo un sacco di guardie ad aeroporti e altri punti sensibili, per cui portavo quasi tutti i giorni e per molte ore l’elmetto. E penso proprio che, oltre alla predisposizione familiare, il copricapo rigido di metallo ci abbia messo del suo”, ha spiegato il cantante.

Per un po’ Masini convisse con la sua calvizie “alla Ippocrate”, ovvero, capelli solo sulle tempie e piazza al centro, la forma di alopecia più diffusa tra gli uomini. “Ho cercato di scherzarci su e di nasconderlo, ma era sempre lì che mi innervosiva a ogni appuntamento con una ragazza o a ogni concerto (all’epoca avevo già iniziato a esibirmi in pubblico)”, ha dichiarato il cantante.

Cosa c'entra Bruce Willis?

“Per un attimo pensai di dare un taglio netto ai capelli restanti, convinto che una testa rapata alla Bruce Willis avrebbe aumentato il mio fascino. Non so perché ma con me non funzionò: fu un disastro, ero solo un calvo totale!”

Cosa ha fatto Masini ai capelli?

Marco Masini pelato

Così il cantautore si mise a cercare una soluzione. Davanti a lui, due opzioni: il toupet e il trapianto di capelli. Escluso il toupet, che sarebbe sembrato qualcosa di posticcio, la scelta ricadde sul trapianto di capelli: “Avevo trovato il modo di tornare giovane, pensavo tra me e me.”

A differenza del trapianto con tecnica FUE, basato sull’estrazione di follicoli da una zona donatrice (generalmente la nuca e i lati del capo) e sul loro reinserimento nel cuoio capelluto dello stesso paziente, la tecnica impiegata per restituire a Masini la sua vecchia capigliatura consiste nell’innesto di capelli artificiali ma dall’effetto estremamente naturale.

Dove ha fatto Masini il trapianto?

Nel video qui sotto Masini svela come da anni ha risolto il suo problema di calvizie grazie all’impianto di capelli artificiali del Dr. Fusco, spiegando cosa succede prima, durante e dopo l’impianto. E lo fa a modo suo, raccontando anche il motivo per cui ha deciso di parlarne in pubblico.

“Dopo poche sedute, un migliaio di capelli alla volta, già vidi il risultato e ne fui entusiasta.” Così, con l’entusiasmo e la chioma folta di un ragazzino, Masini è tornato a piacersi e a sentirsi bene. “Tornai sul palco a cantare sentendomi a mio agio come mai prima.”

L’unico inconveniente, come ha spiegato lo stesso cantautore, sta nel fatto che una o due volte all’anno bisogna sottoporsi a una seduta di aggiustamento. Un inconveniente che però non incrina in alcun modo la sua certezza: “calvo non voglio diventare più, neanche da vecchio”.

vip italiani che hanno fatto il trapianto di capelli

Autore dei contenuti Dr Serkan Aygin - facebook - twitter - instagram

Contattaci
logo U.S. Lecce
Parlano di noi
Quinta Colonna
Il Sole ventiquattro Ore
Mi manda rai tre