gonfiore e lividi post trapianto capelli
 | 

Come gestire edema e gonfiore dopo il trapianto di capelli

Non si tratta di un’operazione invasiva, e neppure dolorosa. Ma l’autotrapianto dei capelli è comunque un intervento chirurgico davanti al quale sorgono timori e dubbi. Il modo migliore per contrastare le incertezze e scegliere ad oggi la migliore risposta al problema della calvizie è informarsi.
Un interrogativo che attanaglia chi inizia a considerare di sottoporsi ad un trapianto di capelli riguarda il post-operatorio. È normale riscontrare un gonfiore post trapianto FUE? Assolutamente sì. Ora ti spieghiamo perché. 

gongiore trapianto capelli

Gonfiore dopo il trapianto di capelli… perchè?

Per ritornare ad avere i capelli di un tempo hai scelto l’autotrapianto con tecnica FUE, un procedimento praticamente indolore. A renderlo possibile è l’anestesia locale, che permette l’estrazione individuale dei follicoli dalla zona donatrice (che verranno poi reinseriti nell’area colpita la calvizie) senza che il paziente avverta alcun fastidio.

Ogni persona ha una differente risposta all’intervento: al tuo ritorno dalla clinica potrai sentirti un po’ stanco e sopraffatto, ma è una sensazione del tutto normale dopo una lunga giornata. Così come normale è la possibile presenza di prurito, arrossamento o di gonfiore dopo il trapianto di capelli.

L’edema è dovuto all’accumulo di liquido nei tessuti, ed è una normale conseguenza del trapianto di capelli. È molto comune infatti che nel post operatorio si notino la fronte e la testa gonfie.
Ciò potrebbe essere dovuto semplicemente all’utilizzo, prima dell’operazione, di una soluzione salina in grado di sollevare e distendere la pelle, per permettere al chirurgo e alla sua equipe l’estrazione e il conseguente inserimento del follicolo in maniera agevole e non dolorosa per il paziente; allo stesso modo l’anestesia, iniettata anch’essa nell’area sottocutanea, che rende indolore l’intero trattamento.

Nulla di cui preoccuparsi, quindi: l’edema nel post trapianto di capelli è una normale reazione del nostro corpo, assolutamente non pericolosa. Raramente – per via dello spostamento verso il basso dei liquidi – si verifica la presenza del gonfiore dopo il trapianto dei capelli anche nella zona del naso e degli occhi. Un fastidio che scompare, in ogni caso, entro i primi tre giorni dopo l’intervento.

Quali sono gli altri effetti collaterali locali del trapianto di capelli?

Come per qualsiasi procedura chirurgica, è normale sperimentare alcuni effetti collaterali nel periodo post-operatorio. Tra questi, gonfiore e lividi sono i più comuni.
Comprendere queste reazioni del corpo a una sollecitazione come un intervento chirurgico è fondamentale per prevenirle e gestirle in maniera efficace.
Vediamo quali sono oltre al già citato gonfiore:

  • Lividi: Queste manifestazioni si formano quando i piccoli vasi sanguigni sotto la pelle vengono danneggiati durante la procedura, causando perdite di sangue che si accumulano nei tessuti circostanti. Questo è particolarmente comune nelle persone con pelle sensibile o sottile.
  • Arrossamento: Il gonfiore dopo il trapianto di capelli può essere accompagnato da arrossamento, calore e infiammazione localizzata. Tutte manifestazioni che in genere si riducono entro pochi giorni con un trattamento sintomatico, come l’applicazione di ghiaccio, antidolorifici e talvolta corticosteroidi.
  • Prurito: È possibile che si avverta una tensione fastidiosa in corrispondenza delle microincisioni sulle aree interessate dal trapianto di capelli. Il prurito è una parte naturale del processo di guarigione, perché i tessuti stanno riparandosi, e si attenua col passare dei giorni. È fondamentale evitare di grattare il cuoio capelluto, per non danneggiare i nuovi innesti, utilizzare prodotti idratanti sempre su indicazione del medico di riferimento.

Consigli utili per evitare o minimizzare l’edema post trapianto di capelli

Avere le giuste informazioni per affrontare in piena serenità il post-operatorio è molto importante. Ecco alcune importanti indicazioni da seguire.

  • Per alleviare l’edema puoi applicare sull’area interessata degli impacchi freddi, facendo attenzione a non premere sull’area ricevente del trapianto e a non applicare ghiaccio direttamente sulla pelle, ma di avvolgerlo in un panno.
  • Scegli una posizione eretta per dormire per i primi tre/quattro giorni, aiutandoti con due cuscini o un cuscino da viaggio. Così ridurrai al minimo l’edema, oppure potrai prevenirlo. Fai attenzione a non sfregare la testa contro il cuscino per evitare ulteriori traumi all’area interessata dal trapianto.
  • Bevi tanta acqua per favorire il processo di diuresi ed eliminare anche i liquidi in eccesso, causa dell’edema.
  • Nei giorni successivi al trapianto capelli evita alimenti salati, piccanti o la caffeina, tutti elementi che aumentano la ritenzione idrica.
  • Evita per i primi sette giorni qualsiasi tipo di attività fisica, per evitare traumi o urti nell’area del trapianto a causa dell’aumento della circolazione del sangue.
  • Vuoi prendere un medicinale per alleviare l’edema? Evita le terapie fai da te. Un normale analgesico potrebbe aiutarti, ma contatta il tuo medico per un consiglio in più.
  • Segui le Istruzioni del Medico. Il tuo chirurgo ti fornirà istruzioni specifiche per gestire gonfiore e lividi. È essenziale seguirle attentamente per un recupero ottimale.

In ogni caso ricorda: l’edema è solo un disturbo momentaneo, nel giro di tre-quattro giorni recupererai il tuo aspetto di sempre!

Conclusione

Gonfiore e lividi dopo un trapianto di capelli sono effetti collaterali comuni ma temporanei. Con le giuste cure e precauzioni, è possibile gestirli efficacemente e favorire un recupero sereno. Segui le indicazioni del tuo medico, mantieni uno stile di vita sano e sii paziente: i risultati finali del trapianto di capelli varranno sicuramente l’attesa.

Per maggiori informazioni o per prenotare una consulenza, contattaci oggi stesso. Il nostro team di esperti è qui per supportarti in ogni fase del tuo percorso verso una chioma più folta e sana.


Vuoi saperne di più sul trapianto di capelli e capire se questa soluzione
è quella più adatta a te?

Compila il form,
i nostri professionisti risponderanno a tutte le tue domande!

Articoli simili